Skip to main content

Non permettiamo che le scuole afghane siano intitolate ai traditori

Revolutionary Association of the women of Afghanistan, 22/10/2012

Anti rabbani protest sep 29 2012 150x150I nostri giovani patrioti, i difensori del nostro popolo sfortunato, devono sapere che questo movimento, per quanto piccolo, è il germe di un movimento che domani condurrà una più dura lotta contro i collaborazionisti e i traditori nazionali.
Il governo corrotto che loda e sostiene i macellai della nostra nazione, che sostiene i signori della guerra e i traditori, ha intestato un istituto di formazione e una strada della capitale a Burhanuddin Rabbani, uno dei distruttori di Afghanistan. Fortunatamente, questa volta, i nostri giovani che sono stanchi e consapevoli si sono mobilitati contro questo atto vergognoso di Karzai.
Le loro proteste, nelle ultime tre settimane, hanno messo il governo traditore, i ladri che siedono in parlamento e l’intero apparato oppressivo, in una posizione disperata.

Se in passato, la nostra gente avesse fortemente protestato contro il governo, quando alcuni luoghi a Kabul e in altre province vennero dedicati ad assassini come Mazari, Massoud, Tora Baz Khan, Atta Mohammad, Abdul Haq, Abdul Saboor Farid e altri, nessun traditore avrebbe osato insultare la nostra nazione, commemorando i suoi assassini.

khoshalmeena 1992 150x150Fortunatamente, la maggior parte dei giovani dell’Università di Kabul insieme hanno dichiarato di trovare vergognoso studiare in un luogo intitolato ad un criminale brutale e che non permetteranno mai che questo governo di macellai di raggiunga il suo scopo infido. Si opporranno con fermezza a questa decisione. Le forze di sicurezza comandate dagli assassini Jamiati e Shoray Nizari, hanno attaccato i giovani che hanno protestato pacificamente ferendone e arrestandone alcuni. Questo atto fascista ha ulteriormente provocato la rabbia e il risentimento dei ragazzi.

I nostri giovani patrioti, i difensori del nostro popolo sfortunato, devono sapere che questo movimento, per quanto piccolo, è una preparazione per la lotta di domani che sarà più dura contro i collaborazionisti e traditori nazionali. Questi giovani non devono essere intimiditi e devono continuano a resistere fino alla fine.
Dovrebbero imparare dai giovani dell’Iran e di altri paesi che si oppongono contro i regimi più dispotici, accettando la tortura, le catene e la prigione, e anche di sacrificare la propria vita per la loro causa. I nostri giovani dovrebbero guardare ai loro coetanei in Iran come esempio. Il regime dei Vilayat-e Faqih (i guardiani della giurisprudenza islamica), con la sua forca e le sue prigioni, è stato umiliato dalle proteste dei suoi giovani. Essi dovrebbero guardare a Majid Tawakali come modello, questo eroe del movimento studentesco iraniano, la cui passione, la cui parola senza paura nelle università, ha scosso il regime. Sono tre anni che ha trasformato il macello del regime in un campo di lotta e resistenza.
Oppure dovremmo guardare Yousof Rashidi, che ha alzato un cartello con la scritta “presidente fascista, non c’è spazio per te nel Politecnico”, durante il discorso di Ahmadinejad. E ‘da diversi anni che si trova nelle prigioni di Ahmadinejad – e del regime medievale Khamenei ma non si è arreso. Studenti consapevoli che lottano per la libertà come Neda Agha Sultan, Mohammad Mokhtari e Saney Zhala, hanno sacrificato la loro vita durante le rivolte degli studenti.

 

Gli Istituti di formazione dell’Afghanistan sono sempre stati luoghi di pensiero progressista e patriottico. Il glorioso movimento di costituzionalisti in Afghanistan, che conquista una pagina magnifica della storia del nostro paese, è un esempio di tali movimenti. I nostri giovani consapevoli e patriottici non dovrebbero subire tutti questi tradimenti, saccheggi, e atti di bullismo da parte dei governanti fantoccio. Dobbiamo cancellare il fondamentalismo reazionario dai nostri centri educativi. Questo sarebbe possibile solo se i nostri giovani avessero la consapevolezza necessaria per non cadere nelle trappole del governo fantoccio che alimenta i conflitti etnici, linguistici, tribali e religiosi.

Karzai e i signori delle guerre intitolano una università alla memoria di un criminale traditore, mentre in Pakistan, malgrado il suo regime sia il tutore e il custode dei nostri traditori reazionari indigeni, una università viene dedicata a Malalai Yousofzai. Questo confronto dimostra quanto il governo Karzai sia ancor più fondamentalista e degradato del più sporco Governo del Pakistan e di altri paesi.

I traditori nazionali che governano la nostra nazione sotto l’ala degli USA e della NATO, possono erigere un monumento in nome degli eroi della distruzione e dell’ignoranza insultando la nostra nazione ma presto saranno gettati nel bidone della storia con i loro falsi eroi. Saranno presto dimenticati, proprio come lo sono stati i traditori dell’epoca Khalqi e Parchami.

Se il nostro popolo, in particolare i giovani, sapranno svolgere il loro ruolo con coraggio patriottico, e lottare per le loro legittime esigenze, come hanno fatto gli studenti dell’Education University, la polizia e l’esercito del nostro governo fantoccio non avranno il coraggio di resistere, e saranno costretti a ritirarsi.

Cari giovani, continuate la vostra legittima protesta. La maggior parte delle nostre persone sofferenti di tutte le etnie del paese, sono al vostro fianco.

Salute ai giovani consapevoli e anti-reazionari dell’Education University!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?