Skip to main content

Deputato laburista cacciato dal parlamento per aver detto che il governo sta mentendo sulla guerra in Afgahnistan

 
Paul Flynn dice che i ministri del governo utilizzano i soldati britannici come scudi umani per salvaguardare la loro reputazione, mandandoli a morire invano in una guerra in Afghanistan, che si perderà.
Alla Camera dei Comuni, il 18 settembre 2012, il deputato laburista Paul Flynn è stato sospeso dal Parlamento britannico per aver detto che il segretario alla difesa Phillip Hammond stava usando soldati britannici come scudi umani per salvare la reputazione dei ministri mandandoli a morire invano in un guerra ormai persa.
 
Ha paragonato Hammond e gli  altri ministri del governo ai politici della prima guerra mondiale che “hanno mentito e i soldati sono morti.” Paul Flynn ha rifiutato di ritirare l’accusa ed è stato sospeso dalla Camera dei Comuni per cinque giorni.
L’accusa di Paul Flynn di aver mentito è arrivata il giorno dopo la discussione parlamentare voluta da un certo numero di parlamentari laburisti sul ritiro immediato delle truppe britanniche dall’Afghanistan.
 
L’ex ministro laburista Denis MacShane – che in precedenza aveva sostenuto tutte le guerre degli ultimi undici anni – ha chiesto perché il governo stava permettendo soldati britannici di “essere sacrificati senza scopo”.  Ha anche aggiunto che essi sono stati impegnati in un conflitto impossibile da vincere senza nessun vantaggio strategico per il Regno Unito.
 
L’ex ministro conservatore John Redwood ha detto: “Portate le nostre truppe a casa per Natale.”
Hammond ha risposto: “Abbiamo una posizione in Afghanistan ottenuta con un costo elevato: 430 persone hanno dato la vita per ottenere questo e abbiamo intenzione di proteggere questa eredità, assicurando che gli interessi della sicurezza nazionale del Regno Unito siano  protetti e garantiti anche in  futuro, attraverso la formazione del personale afgano in modo che le forze di sicurezza afgane possano svolgere il ruolo che svolgiamo noi attualmente.
Quando ha affermato questo, Hammond sapeva che la Nato stava per annunciare che avrebbe sospeso questo addestramento di soldati e poliziotti afgani poiché ci sono stati troppi attacchi ” green-on-blue”*, in cui le forze afghane hanno ucciso i  loro formatori.
 
Quest’anno, durante questi attacchi, sono stati uccisi 51 soldati della Nato, quindici dei quali nelle ultime tre settimane. Nove soldati britannici sono morti nel 2012 per mano di “forze afghane canaglia”. Nel 2011, l’esercito britannico ha subito un solo attacco mortale di questo tipo.
Ecco l'”eredità” dei 430 soldati britannici uccisi  – e delle decine di migliaia di afghani che hanno perso la vita negli ultimi dieci anni.
 
Nel marzo del 2012, Paul Flynn insieme con i colleghi parlamentari Jeremy Corbyn e Caroline Lucas  consegna una lettera  dal titolo “Stop the War Coalition”  a David Cameron al numero 10 di Downing Street, chiedendo l’immediato ritiro delle truppe dall’Afghanistan. Se il governo avesse ascoltato quella richiesta non sarebbero morti altri 25 soldati britannici e nemmeno gli innumerevoli Afghani uccisi nello stesso periodo.
L’unica domanda che ora si dovrebbe fare a David Cameron è la stessa che John Kerry, ai tempi soldato rientrato dal Vietnam, pose nel 1971 al Senato degli Stati Uniti: “Come si fa a chiedere ad un uomo di essere l’ultimo uomo a morire in Afghanistan?”
 
Il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon pensava che la morte di soldati americani fosse il prezzo da pagare per evitare di ammettere la sconfitta. Questo accadeva quattro anni prima che le forze armate americane fuggissero dal paese. Nel frattempo più di un milione di civili cambogiani e vietnamiti erano stati uccisi.
 
Quante vite David Cameron e il suo governo sono disposti a sacrificare per salvare la loro reputazione?
*Ovvero di alleati afghani, non talebani, che ammazzano soldati occidentali ”, i “green” (poliziotti, guardie di frontiera e militari afghani) resteranno da soli, senza “blue” (soldati della colazione).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?