Skip to main content

Commemorazioni di Khomeini contestate dai giovani afgani

Rawa News, 1 giugno 2012, di Frud Bezhan

I giovani di Kabul hanno ripulito le strade della città strappando i manifesti dell’Ayatollah Ruhollah Khomeini.
Con lo scopo di commemorare l’anniversario della morte dell’ex leader supremo iraniano, i manifesti e i cartelloni di grandi dimensioni hanno offeso molti in Afghanistan, un Paese a maggioranza sunnita i cui rapporti con il suo vicino occidentale si sono recentemente inaspriti.
Le manifestazioni sono state organizzate ogni giorno nella capitale afghana in preparazione dell’anniversario del 3 giugno. Decine di giovani si sono ritrovati il 1° giugno di fronte ad un incombente cartellone di Khomeini con cartelli che portano la scritta: “Questa è Kabul, non Teheran”.
Lo studente universitario Ahmad Jan Kandahar  chiede “Perché stiamo celebrando giorni Khomeini qui in Afghanistan?” Komeini è una figura iraniana Qui abbiamo le nostre icone culturali. Dovrebbero essere questi i personaggi celebrati in Afghanistan”.
‘Attacco Diretto’
Nel corso di una manifestazione che si è svolta il 31 maggio in un liceo di Kabul, uno studente di nome Arash ha descritto gli sforzi per onorare Khomeini come una grave ingiustizia alla nazione afgana.  “Come vedete, i poster dell’Ayatollah Khomeini sono appesi nei punti nevralgici della città”, ha detto. “Questo è un attacco diretto contro la cultura afghana e propri eroi nazionali.”
Il sito di social networking Facebook è in fermento con i commenti e le foto dopo che sono stati affissi i manifesti. E mentre molti hanno criticato la mossa, alcuni hanno un po ‘difeso Khomeini come un grande leader della fede islamica.
“Khomeini è uno dei leader della fede islamica”, ha scritto Frugh Ashraf, membro della minoranza sciita hazara. “Egli non appartiene solo all’Iran, ma a tutti i paesi in cui ha seguaci.”
I favorevoli sono quelli della Shura islamica di Kabul, il consiglio sciita che ha messo i manifesti, destinato ad attirare le persone in piazza il 1 ° giugno. I manifesti, che il Consiglio ha affisso con il permesso delle autorità locali, mostrano una grande immagine di Khomenei e annunciano un “grande raduno” a grandi lettere. Tutti i partecipanti sono invitati a celebrare il 23 ° anniversario del “Grande Capo … dicendo addio a questo mondo.”
Il consiglio religioso si aspetta che centinaia di persone arrivino attraverso la moschea di Mazar in una preghiera di massa per offrire un segno di rispetto.
Un veemente dibattito politico
L’anniversario arriva in un periodo di forti tensioni tra Teheran e Kabul, con alcuni parlamentari afgani che accusano l’Iran di ingerenza negli affari interni afgani. La questione è diventata foraggio per un aspro dibattito politico.
“I leader iraniani non sono i leader dell’Afghanistan!” ha scritto uno studente universitario di Kabul in un forum afghano. “Le politiche dell’Iran non favoriscono l’Afghanistan. Il regime islamico in Iran non è il nostro governo. Quelli tra di voi che avete venduto la vostra anima, svegliatevi!”.
Ahmad Saeedi, un analista politico di Kabul, dice che la commemorazione della morte di Khomeini in Afghanistan è un indizio preoccupante di crescente influenza iraniana nel paese.
“L’influenza culturale, economica e politica dell’Iran inizia dalla carica presidenziale e si diffonde in tutto il paese”, ha detto Saeedi. “Questo garantisce che le norme e le tradizioni dell’Iran prevalgano su quelle Afghane.”
Gli osservatori dicono che la principale fonte di recenti tensioni tra Afghanistan e Iran è la firma di Kabul di un accordo a lungo termine strategico con gli Stati Uniti il 1 ° maggio, che ha sollevato timori iraniani di una prolungata presenza americana in Afghanistan.[…]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?