Skip to main content

TESTO DELL’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DELL’ON DI STANISLAO (IDV)

Atto Camera
Interrogazione a risposta scritta 4-12945 presentata da
AUGUSTO DI STANISLAO mercoledì 3 agosto 2011, seduta n.512
DI STANISLAO. – Al Ministro degli affari esteri, al Ministro della difesa. – Per sapere – premesso che:
tra le mani dei «signori della guerra» afgani passano i miliardi di dollari che l’Occidente riversa da 10 anni a questa parte del Paese per la cosiddetta ricostruzione. In realtà, secondo l’organizzazione Rawa (Associazione delle donne afgane rivoluzionarie), si tratta di vere e proprie mafie, quella gestita dalle organizzazioni non governative afgane e internazionali, paragonabile alla mafia del traffico di droga, con cui si arricchiscono anche i contingenti stranieri, e quella dei latifondi, che vede capi clan afferenti a uno dei gruppi di potere impadronirsi di ettari e ettari di terra per poi sfruttarli con speculazioni di edilizia privata;
tra il 40 e il 60 per cento dei fondi torna in tasca ai Paesi donatori, tra stipendi e profitto d’impresa. Un’altra percentuale è intascata dal Ministro a cui viene affidato il progetto di ricostruzione. Il tessuto istituzionale afgano, dalle sue più alte cariche giù fino all’ultimo dei dipendenti, è corrotto: l’Afghanistan è diventato dopo l’occupazione occidentale il secondo Paese corrotto al mondo dopo la Somalia;
in un contesto di insicurezza, ingiustizia, in assenza di democrazia, le donne continuano ad essere vittime. La questione della donna è una tematica politica che si inquadra all’interno del contesto generale afgano. Le donne sono state vittime dei crimini perpetrati in questi anni di guerra e continuano ad esserlo. Bambine di 12 anni, e anche più giovani, subiscono stupri, alcune volte anche di gruppo, da parte di uomini legati ai «signori della guerra» o a governatori di province e distretti, che per questo non incorreranno nella macchina giudiziaria, anch’essa corrotta e controllata. D’altra parte, negli ultimi anni il Governo Karzai ha varato leggi volte a colpire i diritti delle donne -:
quali siano le informazioni in possesso del Governo relative alla gestione delle risorse destinate alla ricostruzione in Afghanistan e sul monitoraggio dei livelli di corruzione a partire dalle più alte cariche istituzionali afgane. (4-12945)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?