Skip to main content

Crisi dell’acqua in Afghanistan

IRIN, 6 luglio 2011 

Solo il 48 per cento della popolazione afgana ha accesso all’acqua potabile e solo il 37 per cento usa servizi igienici adeguati – con implicazioni gravi per la salute, soprattutto per i bambini, secondo l’UNICEF. Mentre alcune aree del paese sono fisicamente prive di acqua, la maggior parte di persone non ha accesso all’acqua potabile a causa di infrastrutture inadeguate e cattiva gestione, piuttosto che risorse insufficienti, afferma un rapporto pubblicato dal Centro per la politica e lo Sviluppo Umano dell’Università di Kabul.

Il rapporto dal titolo “Afghanistan Rapporto sullo sviluppo umano 2011” dice che “Nel corso di tre decenni di disordini in Afghanistan, le infrastrutture di fornitura dell’acqua sono state trascurate o distrutte, mentre le istituzioni responsabili per la gestione e l’erogazione dei servizi sono crollate”.
“Circa il 73 per cento della popolazione si affida sulle strutture improvvisate e inadeguate per la fornitura di acqua, mentre le fonti stanno diventando sempre più inquinate e sovrautilizzate in città come Kabul”.
Circa il 70 per cento della popolazione urbana vive in insediamenti illegali, mentre il 95 per cento non ha accesso a servizi igienici. A Kabul l’80 per cento della popolazione vive in insediamenti non pianificati in cui la scarsa igiene e la mancanza di accesso all’acqua potabile sono comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?