Skip to main content

Chi beneficia del Revisionismo verso i talebani?

The Guardian, 21/1/2011 di Rachel Reid

Farooq Wardmak,il ministro dell’istruzione afghano e alleato chiave del presidente Hamid Karzai, sostiene che i leader talebani non si oppongono più all’istruzione per le ragazze. La questione non è se questa affermazione sia vera – insegnanti e studenti che continuano ad essere terrorizzati da attacchi dei talebani l’avrebbero trovata ridicola – ma perché un alto funzionario afghano si sarebbe esposto con la diffusione di una tale falsità.

Proprio le statistiche del ministero dell’istruzione mostrano che 20 scuole sono state bombardate o bruciate tra marzo e ottobre 2010. Almeno 126 studenti e insegnanti sono stati uccisi nello stesso periodo – dati che sono in incremento rispetto all’anno precedente. E’ difficile sapere quanti di questi attacchi siano stati condotti dai talebani, ma le prove in molti casi puntano in quella direzione. Gli attacchi sono spesso preceduti da una minacciosa “lettera notturna” come questa, inviata lo scorso anno in una scuola a Kunduz, nel nord:
“Ti era già stato chiesto di chiudere la scuola e di non indurre in errore le ragazze pure e innocenti sotto questo governo non-musulmano … Questo è l’ultimo avvertimento per chiudere immediatamente la scuola … Se rimarrai in questa provincia, ricordati che tu e la tua famiglia verrete eliminati. Aspetta solo la tua morte “.
In un altro caso, una donna insegnante ha ricevuto una lettera che diceva: “Noi talebani ti avvertiamo di continuare a insegnare, altrimenti ti uccideremo in un modo orribile che non è mai stato provato da nessuna donna. Questa sarà una lezione per tutte quelle donne che come te stanno lavorando”.
Un altro insegnante è scappato dopo aver ricevuto una lettera con una minaccia dei talebani nell’ottobre 2009: “Ti avvertiamo di lasciare il tuo lavoro come insegnante il più presto possibile, altrimenti taglieremo la testa a tuoi figli e daremo fuoco a tua figlia”.
Quando ho mostrato alcune di queste lettere a Wardak lo scorso luglio, ha passato uno sguardo su di loro per un attimo, poi le gettate in disparte, dicendo: “Se avessimo tempo potrei spiegarti perché io so che questa è la grafia di pakistani, non degli afgani “. Ha continuato chiedendosi se il mullah Omar, il leader dei talebani, esistesse davvero. Questa è stata una lezione sorprendente sul revisionismo applicato ai talebani.
Oggi, come quando i Talebani erano al potere pre-9/11, alcune comunità rurali sono in grado di negoziare con loro per fermare gli attacchi in materia di istruzione. I genitori afgani vogliono che i loro figli siano istruiti, comprese le loro figlie, e lottano per questo, anche quando questo li mette a rischio.
Ma i talebani vogliono che le ragazze siano educate solo fino ai circa 10 anni, quando la pubertà e le richieste per separare i sessi hanno la precedenza. Non tutti gli attacchi sono contro le ragazze. Molte scuole e insegnanti vengono attaccati perché considerati agenti del governo nelle piccole comunità rurali o come simboli di influenza occidentale. Quando erano al potere i talebani hanno affermato che venivano negata l’istruzione alle ragazze  solo a causa delle scarse risorse, affermazione che il mullah Abdul Salam Zaeef, ex ambasciatore dei talebani in Pakistan, ha recentemente ripetuto. Tuttavia, diversi anni fa, quando intervistai il Mullah Zaeef sugli attacchi contro l’educazione, negò la tesi di Human Rights Watch sugli attacchi sistematici come fabbricazione.
Wardak minimizza gli attacchi dei talebani sulle donne e le ragazze perché ora è diventato un sostenitore di punta del governo che sostiene la necessità della riconciliazione con i talebani. Adatta la sua agenda in modo da nascondere i continui crimini dei talebani. E, come molti politici afghani, preferisce la tesi della cospirazione – che i talebani siano una creazione del tutto pakistano, piuttosto che affrontare la realtà di un movimento nato internamente che è il prodotto tanto della realtà afghane che dell’intelligence pakistana.
Vi è il rischio che alcuni politici nel Regno Unito, e degli Stati Uniti e altrove, nervosi per il numero crescente di vittime e il minore sostegno pubblico alla guerra in Afghanistan, utilizzino tali affermazioni. I governi in cerca di una strategia di uscita potrebbero utilizzarle per minimizzare gli abusi dei talebani contro le donne e le ragazze.
La maggior parte delle donne in Afghanistan disperatamente vuole la pace ma non vuole un accordo di pace cieco sul prezzo che si possa pagare. Vogliono realismo sulla natura dell’insorgenza. Anche se un accordo di pace globale sembra lontana, per ora, piccole
offerte locali sono già in corso sotto il nome della “reintegrazione” dei combattenti talebani, con la promessa di posti di lavoro e altre lusinghe. Ma non esiste un sistema per impedire che un comandante noto per aver attaccato l’istruzione delle ragazze diventi un capo locale della sicurezza, o anche un governatore distrettuale, con tutti gli evidenti rischi che questo comporta per le donne e le ragazze. Invece di cercare di ammorbidire l’immagine di un gruppo sinonimo di oppressione delle donne e delle ragazze, il ministro dell’istruzione dovrebbe preoccuparsi di aumentare le opportunità per la scuola e di proteggere le ragazze ‘dagli attacchi.
Attaccare le scuole è un crimine di guerra e non si dovrebbe mai sorvolare su ciò. Quelli che minacciano, bombardano e bruciano le scuole dovrebbero invece essere chiamati a risponderne.
Rachel Reid è una ricercatrice afghana di Human Rights Watch.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?