Skip to main content

Afghanistan: attacco mortale presso l’ospedale di Logar

25 Giugno 2011 – Da: BBC NEWS

53685674 afghanistan logar 2506.cmp 300x168Un’autobomba è esplosa colpendo un ospedale nella provincia di Logar, nell’Afghanistan occidentale: la maggior parte delle vittime erano donne, bambini e anziani.

Il direttore sanitario della provincia ha riferito alla BBC che 27 persone sono decedute e 57 sono rimaste ferite, aggiungendo che il numero potrebbe essere anche più elevato poiché molti corpi sono stati portati via dai parenti subito dopo l’esplosione.

L’edificio è stato distrutto e la gente era sepolta sotto le macerie.

Le autorità del distretto di Azra hanno incolpato i Talebani, i quali tuttavia negano la responsabilità del gesto.

Un portavoce talebano ha dichiarato che i civili non erano fra i loro obiettivi e che dietro a questo attacco c’è una precisa pianificazione.

Persone bruciate”
Bilal Sarwary, corrispondente della BBC a Kabul, afferma che i Talebani prendono sempre le distanze da attacchi in cui ci sono molte vittime civili.

C’è stata molta confusione sul numero esatto dei morti nell’esplosione dello scorso sabato, poiché all’inizio il ministero della salute aveva annunciato che 60 persone erano decedute, mentre i funzionari locali e quelli di Kabul hanno in seguito comunicato numeri diversi.

Un funzionario dell’intelligence ha evidenziato la possibilità che l’ospedale non fosse l’obiettivo prefissato, poiché l’attentatore suicida ha fatto esplodere l’ordigno quando la polizia ha cercato di fermare l’auto.

Il funzionario della provincia Din Mohammad ha dichiarato che un consistente numero di persone si trovava presso la clinica per le cure settimanali, per la maggior parte donne, bambini e anziani.

Sembra che fra le vittime ci siano anche medici e infermiere.

Abdul Rahman, un uomo che vive vicino all’ospedale, ha perso sette parenti.

“Mentre ero a casa ho sentito un’esplosione”, racconta. “Sono corso sul posto e ho visto una gran quantità di morti e feriti. Molti di loro stavano bruciando. C’erano lembi di corpi ovunque”.

I soldati sono accorsi sul luogo per soccorrere chi era intrappolato sotto le macerie.

Il ministero della salute pubblica ha dichiarato: “Questa azione disumana non ha precedenti nella storia del conflitto del nostro paese, e ha colpito un luogo in cui i feriti e i pazienti vengono a farsi curare”.

 

Giorno del giudizio”

Un membro del consiglio provinciale di Logar ha dichiarato alla BBC: “Quanto accaduto è simile al giorno del giudizio. Il governo e le sue agenzie di intelligence avrebbero dovuto prevenire questa azione. Chiedo ai nemici della gente e ai nemici dell’Islam che cosa possono ricavare da un bagno di sangue come questo”.

Il nostro corrispondente racconta che alcuni membri della comunità locale sono recentemente entrati a far parte della polizia afghana, nonostante i ribelli abbiano intimato loro di non farlo. Dice che il controllo governativo di Azra, che si trova vicino al confine con il Pakistan, è quasi inesistente e i ribelli e i trafficanti sono ben collocati in questa zona.

Aggiunge che non c’è mai stato un attacco di queste proporzioni ad un ospedale in Afghanistan, benché lo scorso mese ci sia stato un altro attentato suicida nel principale ospedale militare di Kabul, in cui sono morte 6 persone.

Lo scorso venerdì 10 persone sono state uccise e 24 ferite nella provincia settentrionale di Kunduz da una bomba collocata su una bicicletta .

Due giorni prima, il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama aveva annunciato il parziale ritiro delle truppe dall’Afghanistan, affermando che 33.000 soldati lasceranno il paese entro quest’anno e gli altri 68.000 entro il 2013. Tuttavia, la dirigenza militare statunitense teme che questo ritiro possa essere pericoloso per la sicurezza interna del paese. Infatti, un’indagine delle Nazoni Unite pubblicata all’inizio di questo mese evidenzia un recente aumento delle vittime civili, indicando maggio 2011 come il mese con il numero più elevato di morti – 368 – dal 2007, anno in cui si è dato avvio al conteggio delle vittime civili.

Aggiunge che il 2010 è stato l’anno peggiore, poiché ha visto 2777 morti civili.

Analisi – di Bilal Sarwary – inviato della BBC a Kabul

L’attacco ad Azra è il peggiore avvenuto in una struttura sanitaria dalla caduta dei Talebani nel 2001. Ancora un volta, i morti sono civili che vivono nelle zone rurali dell’Afghanistan.

Quest’ultimo ciclo di violenze ha distrutto la fiducia della popolazione afghana. Sono preoccupati per la loro sicurezza dopo che le forze della coalizione avranno lasciato il paese.

Gli Stati Uniti affermano che le forze della coalizione hanno distrutto lo slancio talebano. Tuttavia, secondo i funzionari afghani che lavorano nelle province al confine con il Pakistan, le misure di sicurezza contro i Talebani sono molto fragili.

Nonostante il Presidente Karzai abbia accettato di buon grado l’annuncio del Presidente Obama di questa settimana in merito al ritiro parziale delle truppe, attacchi come questo mostrano che i ribelli non sono sotto controllo.

L’intelligence afghana e i funzionari della sicurezza dichiarano che i ribelli stanno pianificando una campagna di uccisioni e attacchi suicidi per creare un’atmosfera di terrore nell’intero paese.

I principali attacchi afghani più recenti

  • Febbraio 2011: uomini armati uccidono 38 persone in una banca a Jalalabd
  • Settembre 2009: 30 persone uccise su un bus a Kandahar
  • Agosto 2009: 40 persone uccise da un’autobomba a Kandahar
  • Luglio 2008: bomba suicida all’interno di una gara per cani da combattimento all’aperto uccide 80 persone vicino a Kandahar
  • Novembre 2007: 70 persone uccise in una fabbrica di zucchero a Baghlan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?