Skip to main content

Stella rossa sull’Afghanistan

peacereporter – 13/08/2010

Il Partito comunista (maoista) afgano clandestino ha annunciato che presto inizierà a combattere contro “gli occupanti imperialisti”, ma anche contro “i reazionari teocrati islamisti”
A combattere contro le truppe d’occupazione della Nato in Afghanistan, presto potrebbero esserci non più solamente talebani e jihadisti, ma anche guerriglieri comunisti.
Questo, almeno, è quanto si deduce da un recente comunicato del Partito comunista (maoista) afgano, formazione clandestina nata nel 2004.

”Il Partito sta per dare inizio alla guerra popolare in Afghanistan, il cui specifico carattere, nell’attuale congiuntura, è la guerra popolare rivoluzionaria nazionale di resistenza contro gli occupanti imperialisti e il loro regime fantoccio”.
Così si conclude un comunicato del Pc(m)a pubblicato lo scorso 15 luglio sul sito di Shola Jawid (Fiamma eterna), organo del partito, per commemorare il compagno Azad, storico portavoce dei guerriglieri maoisti ‘Naxaliti’ indiani, ucciso in combattimento lo scorso primo luglio.

Il Partito comunista (maoista) afgano – la cui dirigenza è finora rimasta clandestina – è il frutto di un lento processo di riunificazione e rivitalizzazione di quel che rimaneva dei grandi movimenti maoisti afgani degli anni ’60 e ’70, poi sterminati dai comunisti filo-sovietici e dagli integralisti filo-americani. Un processo iniziato subito dopo l’invasione alleata del 2001 allo scopo di condurre una guerra di liberazione nazionale ‘autonoma’ rispetto a quella dei gruppi armati islamici nel nome di una ‘terza via’ alternativa sia dall’occupazione straniera che dalla teocrazia islamica.

 

”Se le masse afgane continueranno a pensare che l’unica alternativa sia tra la resa all’occupante straniero o il sostegno a talebani e Al-Qaeda, la miseria del nostro popolo non avrà fine”, si legge in un documento del marzo 2002. ”Il nostro partito ha deciso di mobilitarsi autonomamente per resistere all’invasione imperialista, come tappa necessaria verso una rivoluzione neo-democratica in Afghanistan. Dobbiamo infatti considerare nostri nemici non solo gli imperialisti americani e i loro alleati, ma anche i reazionari teocrati islamisti, talebani o jihadisti che siano, che oggi controllano il paese”.

Il Pc(m)a si propone come moderno erede degli Sholay (Fiamme): i militanti maoisti dell’Organizzazione dei giovani progressisti (Sazman-e Jawanan-e Mutarraqi) fondata nel 1965 da Akram Yari, maestro hazara originario di Jaghori (Ghazni).
Gli Sholai – dal nome della loro popolare rivista studentesca, Shola Jawid – nacquero come un movimento giovanile di protesta contro la monarchia di Zahir Shah, i fondamentalisti islamici di Gulbuddin Hekmatyar e il comunismo filo-sovietico del Partito democratico del popolo afgano (Pdpa), diventando rapidamente uno dei maggiori movimenti di massa del paese.

Sopravvissuti alle sanguinose persecuzioni e repressioni della polizia monarchica e dei gruppi islamici integralisti, i maoisti Sholay vennero messi fuori legge dopo il golpe comunista del 1978: in migliaia vennero arrestati, torturati e uccisi. Tra loro anche Akram Yari, che però fece in tempo a lasciare un’importante eredità politica attraverso il suo discepolo Faiz Ahmad, che nel frattempo aveva fondato l’Organizzazione per la liberazione dell’Afghanistan (Ola): gruppo armato maoista che per tutti gli anni ’80 combatté gli occupanti sovietici (entrando formalmente nel Fronte dei mujaheddin combattenti per la libertà), ma che ben presto entrò in conflitto con gli integralisti islamici di Hekmatyar.

Furono proprio i mujaheddin di Hekmatyar, nel 1986, ad assassinare Faiz Ahmad, provocando di fatto lo smembramento dell’Ola. Dalle sue ceneri nacquero, alla fine degli anni ’80, diversi movimenti maoisti rivoluzionari e, nel 1991, il Partito comunista d’Afghanistan (Pca), che recuperò la tradizione ‘terzista’ degli Sholay di Akram Yari: contro “il fascismo” e “l’oscurantismo” degli integralisti e contro l’imperialismo di qualsiasi stampo.
Coerentemente con questa posizione, dopo l’invasione americana del 2001, il Pca si è fatto promotore della rinascita di una resistenza armata maoista sia contro le truppe Nato che contro talebani e signori della guerra, avviando il processo politico che ha portato alla creazione del Pc(m)a nel 2004.

La rinascita del maoismo in Afghanistan si inserisce nella più generale fenomeno del risveglio dei movimenti armati comunisti in molti paesi poveri del continente asiatico. Dall’India rurale, al Nepal, alle Filippine, il maoismo si è mostrato capace di interpretare le lotte contadine e indigene contro le razzie delle multinazionali e le ingiustizie del liberismo globale. In Afghanistan esso si propone invece come strumento di liberazione nazionale e come alternativa alla teocrazia feudale: una sfida non così velleitaria, tenuto conto dell’arretratezza della società afgana e dell’esito fallimentare dell’esperimento di democrazia occidentale.

Enrico Piovesana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?