Skip to main content

LA JIRGA DELLA PACE VA A WASHINGTON: QUALE OPINIONE HA UN PESO NELLA RICONCILIAZIONE CON I TALEBANI?

The Afghanistan Analysts Network – 10/5/2010
Il governo afghano aveva progettato di tenere la “National Consulting Peace Jirga” il 29 aprile. Tale data è stata posticipata (29 maggio) perché il Presidente Karzai ha ricevuto un invito a Washington da un alleato influente. Barack Obama discuterà i suoi piani di riconciliazione con i Talebani. La Jirga sarà essenzialmente un evento governativo: Farook Wardak e il Presidente avranno l’ultima parola non solo su ciò che è in agenda ma anche su chi è invitato. Alcuni rappresentanti delle donne e della società civile non potevano non essere convocati perché hanno forti legami con i media e alcuni player internazionali ma la selezione dei rappresentanti di distretto sembra estremamente di parte. La scelta è stata basata più sul criterio di fedeltà al governo che sulla rappresentanza.
Anche il nome dell’incontro è significativo: la loya jirga ha forti poteri decisionali, può modificare la costituzione e destituire il presidente, ma questa jirga è consultativa e sembra essere designata a mettere la firma ai piani decisi da Washington. L’agenda dei lavori mostra una visione surreale di pace e guerra: non c’è nessuna menzione di omicidi, bombardamenti o combattimenti.
Alla partenza di Karzai si sono aperte delle voci di dissenso nella sfera pubblica: si è tenuto un incontro di due giorni “Vittime per la jirga della giustizia” organizzato dal TJCG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?