Skip to main content

Afghanistan: le sofferenze delle spose e delle madri bambine

Fonte: Wunrn.com

KANDAHAR, 11 dicembre 2009.   Rabia, di 14 anni, aspetta il primo figlio ed è sposata da meno di un anno ad Haji Obaidullah, di 49 anni, di cui è la seconda moglie.   “Dovrebbe partorire fra pochi giorni, ma questa è la sua prima visita in una struttura sanitaria”, dice Nazia Hemat, un’ostetrica che lavora presso l’ospedale Mia Abdul Hakim, nella provincia meridionale di Kandahar.   Rabia è comunque fortunata perché è potuta venire in ospedale: “Spesso gli uomini non permettono alle mogli incinte di andare negli ospedali o dai dottori” dice Ranna Tarin, direttrice del Dipartimento degli Affari Femminili di Kandahar, chiamato IRIN.   “Sappiamo che ci sono giovani donne che muoiono durante la gravidanza o il parto, ma non sappiamo quante siano”, dice Shamsuddin Tanwer, un funzionario dell’AIHRC (Afghan Independent Human Rights Commission) di Kandahar, la seconda città più grande del Paese.

La legge afgana stabilisce che l’età minima per il matrimonio è 16 anni per le donne e 18 anni per gli uomini, ma molti si sposano in età più giovane e senza il genuino consenso delle persone coinvolte (gli sposi).   Secondo i dati dell’AIHRC, il 60-80% dei matrimoni sono forzati e/o al di sotto dell’età minima stabilita.   La madre di Rabia, Amina, dice che sua figlia si è sposata in età inferiore ai 16 anni perché “tutta la gente e tutti i genitori si comportano così” e perché “non è bene tenere in casa una ragazza per molto tempo; è meglio che vada a vivere nella casa del marito il prima possibile”.   Secondo l’AIHRC, la povertà, l’analfabetismo e la mancanza di consapevolezza sui pericoli di un matrimonio precoce, sono le ragioni principali per cui i genitori fanno sposare le loro figlie in età prematura.

 

“Molta gente non sa che i matrimoni precoci causano alle ragazze seri rischi di salute e psicologici”, dice Razeqa Negami, un’attivista per i diritti umani. “C’è anche un grosso fraintendimento sul fatto che far sposare una ragazza il prima possibile sia in accordo al volere dell’Islam”.   Nelle campagne in particolare c’è pochissimo rispetto e poca consapevolezza delle leggi civili e dell’età minima legale per il matrimonio. Secondo alcune opinioni, il governo dovrebbe istruire gli imam e gli altri capi religiosi affinché facciano rispettare le leggi sul matrimonio quando formalizzano le nozze.     *Rischi per la salute*   “Quando una ragazza si sposa, si addossa tutti i carichi e le responsabilità di un adulto” dice Malalai Nazery, che si occupa di salute e maternità presso UN Children’s Fund (UNICEF) a Kabul. “Per una bambina, il matrimonio può essere un percorso anormale e rischioso”.

L’Afghanistan detiene il secondo tasso più elevato di fertilità nel mondo al 6.51%. Secondo le statistiche dell’UN Population Fund (UNFPA), su 1000 donne fra 15 e 19 anni, 121 danno alla luce uno o più bambini. L’aspettativa di vita femminile in Afghanistan è di 44 anni, una delle più basse del mondo.   Inoltre, secondo l’UNFPA, l’Afghanistan detiene uno fra i tassi peggiori del mondo per mortalità materna e infantile.   Circa 25.000 madri muoiono ogni giorno durante la gravidanza, il parto o dopo la nascita del bambino (il che equivale a 800 morti su 100.000 donne).   “Mortalità e patologie sono più elevate fra le madri dai 15 ai 19 anni che fra quelle con età superiore”, dice Nazery dell’UNICEF, aggiungendo che spesso le giovani madri non sono assolutamente consapevoli dei rischi della gravidanza e del parto.

“Le madri bambine e i loro figli sono solitamente deboli e facilmente soggetti a disagi e malattie”.   Sempre secondo l’UNFPA, solo il 14% delle nascite in Afghanistan sono assistite da personale medico e sanitario.

Afghanistan: The Tribulations Child Brides, Child Mothers

KANDAHAR, 11 December 2009 (IRIN) – Rabia, 14, is expecting her first child almost a year after getting married to Haji Obaidullah, aged 49, as his second wife.   “She is supposed to deliver in a few days, but this is her first visit to a health centre,” said Nazia Hemat, an obstetrician at Mia Abdul Hakim Hospital in the southern province of Kandahar.   Rabia is fortunate in being able to visit the hospital: “Men often don’t allow their pregnant women to go to hospitals and doctors,” Ranna Tarin, director of Kandahar women’s affairs department, told IRIN.   “We know young women die during pregnancy and at childbirth but we don’t know how many,” said Shamsuddin Tanwer, an official of the Afghan Independent Human Rights Commission (AIHRC) in Kandahar, the country’s second largest city.   Afghan law sets 16 as the minimum age of marriage for a girl and 18 for a boy, but many are married at a younger age and without the genuine consent of those concerned.

According to AIHRC, 60-80 percent of all marriages are forced and/or under-age marriages.   Rabia’s mother, Amina, said they married their daughter at an early age because “everybody and all parents do the same,” and that “it is not good to keep a daughter at home for long; it’s better she goes to her husband’s home as soon as possible.”   Poverty, illiteracy and lack of awareness about the dangers of early marriage are other major reasons why parents marry off their girls at a young age, according to AIHRC.   “A lot of people do not know that early marriages pose serious health and psychological risks to young girls,” said Razeqa Nezami, a human rights activist. “There is also a strong misunderstanding that marrying off a daughter as early as possible is in line with Islam,” she said.   In the countryside there is little awareness of, or respect for, civil law and the minimum legal age for marriage. Some suggest the government should train imams and other religious leaders to ensure marriage laws are upheld when they formalize marriages.  

Health risks “When a girl goes into marriage she actually undertakes the burden and responsibilities of an adult,” Malalai Nazery, a maternal health officer with the UN Children’s Fund (UNICEF) in Kabul, told IRIN. “Marriage can be an abnormal and risky trajectory for a child.”   Afghanistan has the second highest fertility rate in the world at 6.51 percent. For every 1,000 women in the 15-19 age-range, 121 give birth to one or more children, according to UN Population Fund (UNFPA) estimates for 2005-10.  Female life expectancy in Afghanistan is 44 – one of the lowest in the world.   Afghanistan also has among the worst maternal and infant mortality rates in the world. About 25,000 mothers die every year during pregnancy, at child birth or after delivery, according to UNFPA (equivalent to 800 deaths per 100,000 women).   “Mortality and morbidity figures among mothers aged 15-19 are much higher than for women older than 19,” said UNICEF’s Nazery, adding that young mothers often lack awareness of the risks of pregnancy and child delivery. “Child mothers and their children are usually weak and vulnerable to diseases.”   Only 14 percent of births in Afghanistan are attended by skilled health workers, according to UNFPA.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?