Skip to main content

Dire no agli aiuti ostacolati dal governo: sostenere la ripresa dal terremoto tramite KurdDAO

|

retekurdistan.it 16 febbraio 2023

07e88485 5a0e 4b3b 8c14 ccea5a9a1aa0 1728x1091

KurdDAO, insieme al Centro curdo per i diritti umani (KCHR) e alla Mezzaluna rossa curda (Heyva Sor a Kurdistanê), sta raccogliendo donazioni su Ethereum per aiuti umanitari immediati.

KurdDAO, insieme al Centro curdo per i diritti umani (KCHR) e alla Mezzaluna rossa curda (Heyva Sor a Kurdistanê), sta raccogliendo donazioni su Ethereum per l’immediato soccorso umanitario del recente catastrofico terremoto che ha causato oltre 37.000 vittime.

Per fare una donazione a questi sforzi di recupero, puoi inviare qualsiasi risorsa Ethereum (Mainnet), come ETH, DAI, USDT e altri a kurddao.eth o 0x8beb8bb19eb9248c73c322f6e995a7d6be0a4494.

Il 100% delle donazioni dirette inviate all’indirizzo di cui sopra sarà destinato alle operazioni di soccorso e agli aiuti nelle zone colpite. KurdDAO e KCHR stanno lavorando con la Mezzaluna Rossa curda (Heyva Sor) per aiutare le persone colpite dal disastro in Kurdistan, Turchia e Siria. Abbiamo una preoccupazione crescente per le notizie che emergono, secondo le quali, nel bel mezzo di un’incommensurabile tragedia umana, i governi turco e siriano hanno sequestrato fondi e materiale, impedito loro di raggiungere le vittime della catastrofe e ostacolato attivamente gli aiuti e gli sforzi di soccorso.

Per poter salvare vite umane nel modo più rapido ed efficace possibile, abbiamo deciso di supportare Heyva Sor, un’organizzazione con una vasta esperienza su come operare in situazioni estreme nella scala necessaria. La loro dedizione al soccorso umanitario, indipendentemente dalle differenze settarie, è genuina e provata.

Nota: se c’è interesse a donare in altre criptovalute, unitevi al nostro gruppo Telegram, creeremo un sondaggio anonimo tra pochi giorni per dare priorità alla creazione di portafogli aggiuntivi.

Lo sfondo

Nella notte del 6 febbraio 2023, un terremoto di magnitudo 7,8 e una successiva scossa di assestamento di 7,7 con epicentro a Maraş (Kahramanmaraş) e Dîlok (Gaziantep) hanno causato il crollo di migliaia di edifici nel cuore della notte. Una settimana dopo, il numero totale delle vittime e delle perdite materiali causate dal disastro continua a salire. Al 13 febbraio oltre 37.000 persone sono morte sotto le macerie degli edifici crollati. Le regioni più colpite sia in Turchia che in Siria sono a maggioranza curda. L’epicentro è stato nel Kurdistan nord-occidentale, all’interno della Turchia.

L’80% della popolazione è costituita da curdi sunniti e aleviti, con popolazioni considerevoli di arabi, turchi, siriaci e rifugiati siriani e afghani. Prima del terremoto questa regione soffriva pesantemente della guerra e della repressione politica contro i curdi e altre minoranze. In Turchia i rischi di una simile catastrofe erano noti da tempo. Molti ingegneri, geologi e urbanisti hanno implorato per anni il governo di affrontare il pericolo, ma la costruzione non rispettando nemmeno gli standard di sicurezza più elementari è continuata imperterrita. Il governo turco ha dichiarato lo stato di emergenza e filtra tutti gli aiuti umanitari che arrivano nella regione attraverso AFAD (Presidenza per la gestione dei disastri e delle emergenze). Nell’ultima settimana ci sono state numerose segnalazioni di donazioni di fondi e materiali sequestrate dal governo e operazioni di soccorso ritardate o ostacolate senza spiegazioni e contro il parere di ingegneri e operatori umanitari sul campo. Inoltre, sotto la copertura del caos, si sta svolgendo un’intensa repressione sia da parte delle forze statali che dei paramilitari sostenuti dal governo contro giornalisti, politici curdi, rifugiati e prigionieri. Con il governo incapace o riluttante ad aiutare, la comunità di solidarietà curda si sta auto-organizzando per salvare tutte le vittime della tragedia, indipendentemente dalla loro etnia o appartenenza politica. In Siria, persone provenienti dalle regioni autonome arabo-curde della Siria nord-orientale (Rojava) hanno raccolto donazioni; oggi un convoglio di 52 camion destinati ad Aleppo e alla regione curda occupata di Afrin è stato autorizzato a passare nelle aree controllate dai ribelli. Mentre i governi di Siria e Turchia stanno strumentalizzando questo disastro negando i diritti umani fondamentali ai curdi e ad altre minoranze, il popolo curdo sta prendendo in mano la situazione, sostenendo la fede nella pace e nell’uguaglianza per tutti anche in questi tempi bui. Come KurdDAO, vediamo un’opportunità e un dovere di aiutare. Oltre alle attrezzature di soccorso urgenti, vestiti, coperte, tende, cibo e forniture mediche, c’è bisogno che le persone in tutto il mondo prestino attenzione a ciò che sta accadendo sul campo. Dobbiamo lavorare insieme per raccontare la vera storia delle vittime e dei sopravvissuti, per ritenere i governi di Turchia e Siria responsabili e garantire che gli aiuti vengano consegnati a tutte le persone che ne hanno bisogno in modo rapido, efficace e indiscriminato. In questo momento critico dobbiamo cercare modi alternativi per finanziare gli sforzi di ripresa poiché i canali ufficiali stanno fallendo. Questi metodi alternativi possono allocare risorse direttamente a organizzazioni correlate come KCHR e Heyva Sor.

file

Donare Ethereum (Mainnet)

Per fare una donazione a questi sforzi di soccorso, potete inviare qualsiasi risorsa Ethereum (Mainnet), come ETH, DAI, USDT e altri a kurddao.eth o 0x8beb8bb19eb9248c73c322f6e995a7d6be0a4494. Eventuali donazioni dirette effettuate a questo indirizzo saranno attribuite al 100% agli sforzi di recupero dal terremoto.

Donazione di Ethereum (Mainnet) per NFT

KurdDAO ha una campagna di raccolta fondi separata per la solidarietà curda in generale, dove i Freedom Flower NFT possono essere coniati in cambio di donazioni. Se una donazione viene effettuata tramite quella campagna, il 90% di quei fondi sarà utilizzato per un mix di aiuti per il terremoto e altri progetti come la liberazione delle donne e la libertà per i prigionieri politici curdi. Il budget del progetto sarà determinato tramite il consenso della comunità di KurdDAO.

Donazione di altre risorse crittografiche

Se c’è interesse a donare in altre criptovalute, unisciti al nostro gruppo Telegram. Tra pochi giorni creeremo un sondaggio anonimo in modo da poter meglio dare la priorità alla creazione di portafogli aggiuntivi.

Donare Fiat

Per effettuare donazioni fiat (tramite bonifico bancario o PayPal), puoi farlo direttamente seguendo le istruzioni sul sito web di Hevya Sor.

A proposito di KurdDAO

KurdDAO mira a portare solidarietà e consapevolezza globale alla lotta per la libertà del popolo curdo, inizialmente raccogliendo fondi per sostenere la liberazione delle donne, la libertà per i prigionieri politici curdi, così come coloro che lottano per la modernità democratica in Medio Oriente.

A proposito di KCHR

Il Centro curdo per i diritti umani è stato istituito a Ginevra nel 2000 come risposta diretta al genocidio, ai crimini di guerra e alle violazioni dei diritti umani che si verificano nelle regioni curde di Turchia, Iraq, Iran e Siria. Il Centro curdo per i diritti umani mira a informare i cittadini europei e la Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite (OHCHR) sulle violazioni contro i curdi attraverso seminari e altre piattaforme di dialogo.

A proposito di Heyva Sor a Kurdistanê

La Mezzaluna Rossa Curda (alias Luna Rossa Curda) è stata fondata nel 1993 a Bochum, in Germania. Da allora la carità è cresciuta ogni giorno ed è diventata un faro di speranza per le persone in crisi. Opera in Turchia, Siria, Iraq e ha uffici in numerosi paesi europei. La Mezzaluna Rossa curda corre in aiuto delle persone vulnerabili in ogni condizione, prestando assistenza anche nelle zone più remote del Kurdistan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?