Skip to main content

Le donne afghane sono contro le madrase

|

Donne afghane scrivono una lettera aperta alle Nazioni Unite sull’istruzione delle ragazze nelle madrase talebane. I talebani stanno usando le credenze religiose della gente per scopi militari, hanno detto al capo delle Nazioni Unite

Arpan Rai, The Independent, 5 gennaio 2024

download 1 copy copy

Oltre 70 donne afghane hanno scritto una lettera aperta al capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres contro le ultime osservazioni del capo della missione afghana delle Nazioni Unite, Roza Otunbayeva, sull’istruzione delle ragazze afghane nelle madrasse islamiche.

La Otunbayeva è l’inviata speciale delle Nazioni Unite in Afghanistan e il mese scorso ha dichiarato al Consiglio di sicurezza dell’ONU che ci sono “sempre più prove aneddotiche che le ragazze potrebbero studiare nelle scuole islamiche conosciute come madrase ” gestite dai talebani , senza alcuna prova di un’istruzione progressista in questi centri.

“Tali affermazioni sono del tutto irresponsabili e vengono percepite come una normalizzazione del divieto di istruzione per le ragazze in Afghanistan sotto i talebani. Per chiunque abbia familiarità con il contesto afghano, la madrasa e i sistemi scolastici formali non possono essere compatibili per molte ragioni”, si legge nella lettera a Guterres, vista da The Independent . Le madrase sono scuole islamiche che spesso forniscono anche istruzione religiosa gratuita, alloggio e cibo agli studenti.

La coalizione di donne, attiviste, ex giudici, diplomatici e organizzazioni per i diritti umani afghani ha respinto la posizione dell’inviato delle Nazioni Unite e le dichiarazioni al Consiglio di Sicurezza, affermando che il massimo leader stava cercando di normalizzare il divieto di istruzione imposto dai talebani contro donne e ragazze, oltre ad altre violazioni dei diritti umani.

“Da quando i talebani sono tornati nell’agosto 2021, hanno formato centinaia di nuove madrase religiose in tutto l’Afghanistan, non solo per ragazzi e ragazze in età scolare ma per uomini e donne adulti, dove esiste un genuino timore di una radicalizzazione di massa dei giovani”, aggiunge la lettera.

“I talebani sono un gruppo militante ideologico che utilizza la religione e le credenze religiose popolari per i propri scopi politici e militari”, si legge nella lettera.

Ha sottolineato che il curriculum dell’istruzione formale in Afghanistan era “coerente sia con l’educazione religiosa che con materie moderne tra cui scienze, matematica, letteratura, lingue straniere, storia e geografia”. Nelle madrase talebane, invece, agli studenti vengono insegnati prevalentemente studi religiosi.

“Inoltre, esistono numerosi rapporti e ricerche che dimostrano che le persone che frequentano le madrase controllate dai talebani si radicalizzano e imparano persino la militanza e l’insurrezione”, si legge nella lettera aperta al capo delle Nazioni Unite.

“L’istruzione moderna è fondamentale per il progresso di un Paese, in particolare per la partecipazione attiva delle donne alla sfera sociale, politica ed economica”, si legge nella lettera, aggiungendo che l’assenza di un sistema educativo formale e l’impedimento delle ragazze di avanzare avranno un grave impatto sull’Afghanistan.

Le donne, che rappresentano milioni di ragazze afghane e donne sotto il regime talebano, hanno chiesto al segretario generale delle Nazioni Unite di sollecitare i talebani a invertire le politiche responsabili del deterioramento della situazione dei diritti umani, in particolare per le donne e le ragazze, e a ritenerle responsabili delle violazioni sistematiche.

Una delle cinque richieste al segretario generale chiede inoltre all’ONU di spingere i talebani a “smettere di diffondere ideologie estremiste nel sistema educativo e nelle madrase”, affermando che le implicazioni di tali politiche sono devastanti per l’Afghanistan e non solo.

L’ONU ha rifiutato di riconoscere i talebani, un gruppo islamico militante, come governo legittimo dell’Afghanistan da quando i suoi combattenti hanno preso il potere con la forza nell’agosto 2021.

I talebani hanno preso il controllo di Kabul spodestando un governo democraticamente eletto dopo il ritiro delle forze alleate occidentali. Da quando ha preso il potere, il regime talebano ha bandito le donne dalle scuole, dai luoghi di lavoro e dalle strutture ricreative pubbliche, provocando la condanna internazionale.

L’Afghanistan sotto i talebani è l’ unico paese al mondo ad aver vietato alle ragazze e alle donne di frequentare la scuola secondaria e le università, un divieto che è in vigore da più di due anni e che si prevede avrà implicazioni di vasta portata per la società e l’economia del paese, se dovesse persistere.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?