Skip to main content

Aiutare l’Afghanistan dopo il terremoto sarà dura

|

La Banca mondiale ha affermato che gli aiuti ai terremotati saranno gestiti al di fuori del controllo della corrotta amministrazione talebana, per assicurarsi che arrivino a destinazione

Mohammad Qadam Shah, The Conversation, 24 giugno 2022

download copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy Il terremoto più mortale in Afghanistan da oltre due decenni si è verificato il 22 giugno 2022, uccidendo più di 1.000 persone e ferendone almeno 1.600. Il disastro ha colpito una remota regione montuosa ed è avvenuto in un momento in cui milioni di afgani stanno vivendo una grave povertà e fame . Da quando i talebani, che applicano rigide leggi islamiche, hanno assunto il governo nel 2021 altri paesi, organizzazioni umanitarie e agenzie di aiuto indipendenti sono stati riluttanti a fornire assistenza al governo perché nessun paese lo ha ufficialmente riconosciuto .

Ma il leader supremo dei talebani , Haibatullah Akhundzadah, ha chiesto “alla comunità internazionale e a tutte le organizzazioni umanitarie di aiutare il popolo afghano colpito da questa grande tragedia e di non risparmiare alcuno sforzo per aiutare le persone colpite”. A poche ore dal terremoto, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha dichiarato che stava inviando aiuti, comprese forniture mediche, cibo e tende , oltre a squadre di chirurghi e altri professionisti medici. Anche il Programma alimentare mondiale , che afferma di aver fornito aiuti a 18 milioni di persone in Afghanistan nella prima metà del 2022, inviava cibo.

Abbiamo chiesto a Mohammad Qadam Shah , un assistente professore di sviluppo globale alla Seattle Pacific University che ha svolto ricerche sugli aiuti in Afghanistan, come si aspetta che il mondo risponda.

1. Perché è difficile rispondere ai disastri in Afghanistan?

Come con il precedente governo sostenuto dagli Stati Uniti, i leader talebani hanno un sistema centralizzato di gestione degli aiuti dall’alto verso il basso . In questo sistema, sono gli unici decisori che determinano la modalità di assegnazione degli aiuti.

È anche molto corrotto e manca di responsabilità . Di conseguenza, non c’è modo di garantire che il denaro dato per uno scopo specifico vada dove dovrebbe.

Ciò rende il terremoto una prova della capacità dei talebani di governare, rispondere ai bisogni immediati degli afgani e amministrare efficacemente gli aiuti. Dal punto di vista della comunità internazionale, la domanda è: ci si può fidare dei talebani per distribuire equamente il denaro che forniscono?

Molti osservatori temono che la risposta sia no.

Ma il sistema di distribuzione degli aiuti dell’Afghanistan non funzionava già prima che i talebani prendessero il potere nel 2021 . Data la mancanza di legittimità, il precedente governo afghano ha costantemente utilizzato gli aiuti per l’acquisto di capitale politico. Invece di basarsi sui bisogni e sulle preferenze degli afgani, il governo centrale ha distribuito favori politici e si è concentrato sui loro legami e sul loro potere .

Cioè, anche se gli aiuti fossero gestiti come faceva il governo precedente nei due decenni precedenti, i soldi sarebbero comunque sprecati.

Ciò che rende ancora peggiore la capacità dei talebani di rispondere ai disastri è che la maggior parte dei donatori ha tagliato o ridotto gli aiuti all’Afghanistan, anche perché opprime le donne , nega alle ragazze di età superiore ai 12 anni il diritto all’istruzione e viola i diritti umani.

il sostegno internazionale allo sviluppo economico si è fermato perché il resto del mondo non si fida dell’attuale governo.

Se arrivano  soldi per sostenere i soccorsi legati al terremoto, credo che non ci sia alcuna garanzia che non vengano utilizzati per attività terroristiche .

2. Di cosa ha bisogno l’Afghanistan?

Anche prima del terremoto, l’Afghanistan stava vivendo una povertà diffusa e una terribile insicurezza alimentare tali che il 70% delle sue famiglie non poteva permettersi di sfamare le proprie famiglie e soddisfare gli altri bisogni primari, secondo un’indagine della Banca Mondiale. Secondo l’UNICEF, il fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, circa rischiano la forma più grave di malnutrizione. Il paese sta affrontando una massiccia instabilità politica ed economica , con l’inflazione al 12,7% e l’attività economica in contrazione di oltre un terzo.

Dopo il terremoto, i bisogni ora includono cure mediche di emergenza e riparo per le migliaia di sopravvissuti i cui villaggi, situati in una provincia remota e montuosa, sono stati ridotti in macerie . L’ONU e il suo Programma alimentare mondiale, piuttosto che fornire denaro ai talebani, dovrebbero fornire direttamente gli aiuti umanitari necessari per affrontare le conseguenze del terremoto e la fame diffusa.

La piccola quantità di aiuti che l’Afghastan sta ancora ricevendo – principalmente cibo come riso, olio alimentare, farina e fagioli – soddisfa i bisogni più elementari per aiutare le persone a sopravvivere, ma a mio avviso, ciò di cui l’Afghanistan ha davvero bisogno per prosperare a lungo termine è un percorso per diventare autosufficiente.

3. Quali altre sfide potrebbero ritardare gli aiuti all’Afghanistan?

Il Programma alimentare mondiale e la manciata di altre agenzie umanitarie che sono rimaste in Afghanistan o sono tornate devono affrontare altre sfide, in particolare il personale.

La maggior parte degli operatori umanitari stranieri se ne sono andati ormai. Sono partiti anche molti cittadini afgani precedentemente impiegati da organizzazioni e agenzie internazionali.

L’ONU, tuttavia, ha ristabilito un punto d’appoggio in Afghanistan nel 2022. Fa appello alle nazioni donatrici affinché finanzino lì le sue operazioni multimiliardarie. E la Banca Mondiale ha annunciato il 3 giugno 2022 un finanziamento di 793 milioni di dollari per aumentare l’accesso al cibo e alle cure mediche. La Banca ha affermato che saranno “forniti fuori bilancio attraverso le agenzie delle Nazioni Unite e le organizzazioni non governative e al di fuori del controllo dell’amministrazione talebana ad interim”.

Mohammad Qadam Shah non lavora, non dà consulenze, né possiede azioni o riceve finanziamenti da alcuna società o organizzazione che trarrebbe vantaggio da questo articolo, né ha rivelato affiliazioni rilevanti oltre alla nomina accademica.

(Traduzione automatica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?