Skip to main content

Afghanistan: alla mercé dei signori della guerra

|

Da: Rawa.Org

Molti cittadini afghani sono terrorizzati da loro. Affermano che i loro comandanti estorcono denaro e cibo, si impadroniscono della terra, assaltano la gente – e a volte la uccidono.

Di Rustam Qobil

In molte zone dell’Afghanistan sono i signori della guerra a dominare – non il governo centrale o i Talebani. Essi sono capaci di sfruttare impunemente gli abitanti dei villaggi tramite la minaccia o l’uso vero e proprio della violenza.
Nella provincia rurale di Takhar, situata nel remoto nord-est dell’Afghanistan, il tempo sembra essersi fermato al 19° secolo: strade sconnesse, case di fango, villaggi senza legge e nessun segno del governo di Kabul.
Qui il potere è gestito dai comandanti armati e dalle loro pistole. Ogni loro parola è legge.
“Alcuni comandanti locali armati hanno obbligato tre dei miei fratelli a combattere per loro contro gli insorti”, racconta il ventiseienne Najbullah, “e sono stati tutti uccisi”.

Najbullah – nome d’invenzione – parla a bassa voce perché teme che qualcuno possa sentirlo, quindi ci spostiamo nell’ultima stanza del negozio del suo amico.
“Ora vogliono che anch’io combatta per loro, ma devo curare i miei anziani genitori e i nipoti orfani, quindi ho rifiutato”, afferma. “Nonostante questo, continuano a minacciare di uccidermi e di prendere la nostra terra”.
Najbullah non sa cosa fare. Spostarsi altrove non è una buona soluzione. È un povero contadino con una famiglia numerosa a cui badare.
Sia i Sovietici che i Talebani hanno combattuto per il controllo di questa parte dell’Afghanistan e dei suoi “signori della guerra mujaheddin”, che oggi dominano incontrastati.

youngster in militia of warlords afghanistan 300x168In una regione con prospettive quasi inesistenti, molti giovani uomini finiscono col combattere per conto dei signori della guerra.
In molti luoghi, questi ultimi impongono tasse ai commercianti locali. Alcuni di loro sono diventati anche funzionari del governo. Altri addestrano milizie anti-talebane, chiamate Arbaki, sostenute dal governo e dalle forze internazionali. E molti Afghani sono terrorizzati da loro. Affermano che i loro comandanti estorcono denaro e cibo, si impadroniscono della terra, assaltano la gente – e a volte la uccidono.
La provincia di Takhar è situata sulle sponde meridionali dell’Amudarya, il fiume più grande dell’Asia Centrale. I suoi affluenti dovrebbero essere in grado di fornire acqua a sufficienza per l’intera agricoltura della regione, tuttavia – stranamente – molti contadini fanno fatica ad irrigare i loro campi.
Nel distretto di Khojaye Ghor i canali di irrigazione si sono completamente asciugati e i raccolti stanno morendo; centinaia di famiglie hanno dovuto abbandonare le loro case in cerca d’acqua.
La spiegazione si trova a monte: “Alcuni personaggi armati e potenti hanno dirottato il corso del fiume per alimentare i loro generatori idro-elettrici” dichiara Muhannad Sharif, un contadino della zona. Ci racconta che uno di loro è Aghagul Qataghany, un ex comandante mujaheddin, divenuto ora sindaco di Taloqan, capitale della provincia di Takhar.

Quando lo incontro nel suo ufficio, quest’ultimo nega tutto.
“Dimmi chi è questa persona e sono pronto a sfidarla in un processo. Non ho nessun generatore idro-elettrico”, mi dice. Tuttavia, altre persone confermano la versione del contadino.

Najbullah Khaliqyar, capo del Consiglio Provinciale di Takhar, conferma che Qataghany e altri stanno deviando il corso dei fiumi.
“Non siamo in grado di ribellarci poiché il governo è debole e attualmente questi comandanti rappresentano il governo in questa zona”, afferma. “E’ gente potente con ottimi collegamenti”.
Il potere dei signori della guerra risale almeno al 1979, quando il paese venne invaso dall’Unione Sovietica e le armi cominciarono a circolare.
Un anziano signore di 80 anni che ho incontrato a Takhar mi ha raccontato che 30 anni fa un comandante locale si impadronì della sua terra. “Ora suo figlio utilizza la mia terra e nonostante io possieda tutti i documenti necessari, non posso riaverla. Mi hanno picchiato e hanno cercato di uccidere mio figlio, che ha dovuto fuggire in Iran” afferma.
Mi mostra dozzine di documenti. Alcuni risalgono all’occupazione sovietica, altri sono recenti. Tuttavia, si tratta di pezzi di carta inutili di fronte al potere delle armi. Una volta era un possidente terriero, ma ora quest’uomo è senza soldi e senza terra.

belquees roshanLa senatrice afghana Bilquis Rochan

Heather Barr, di Human Rights Watch a Kabul, afferma che accade lo stesso in molte zone rurali dell’intero paese.
“Il governo e la comunità internazionale hanno investito di potere questi comandanti e i loro gruppi permettendo loro di avere sempre più controllo sulle aree rurali e trasformandoli in milizie anti-talebane o facendoli entrare nella polizia locale”, ci spiega Heather Barr. “Il paese è lasciato nelle mani di questa gente”.
I critici dichiarano che il governo nazionale chiude gli occhi davanti a questi problemi.
“Molti signori della guerra o comandanti armati sono al governo e sono molto potenti. I loro uomini hanno il controllo delle province” afferma Bilquis Rochan, senatrice della provincia di Farah.
“So di casi di stupro e di omicidio, ma coloro che hanno commesso questi crimini sono tuttora liberi, semplicemente perché sono comandanti molto potenti o personaggi che hanno legami con loro”.
I funzionari governativi ammettono che il problema esiste, ma affermano che sono già state intraprese molte azioni per affrontarlo.
“Effettivamente abbiamo alcuni problemi con la polizia locale e le milizie Arbaki”, ci dice Siddiq Siddiqi, portavoce del Ministero degli Affari Interni a Kabul, “ma chiunque infrange la legge verrà punito”. Tuttavia, sembra che la gente comune non ottenga giustizia, nemmeno nella stessa capitale.
“Un comandante locale ha ucciso mio padre e si è impadronito della nostra terra”, mi racconta una donna che ho incontrato in città. “Quando ha cercato di sposare la mia figlia adolescente con la forza, ho abbandonato tutto e sono fuggita qui a Kabul con i miei bambini”. Ora non può tornare al suo villaggio e nemmeno reclamare la sua proprietà.
“E’ un ex mujaheddin e un uomo potente, e ha collegamenti ovunque, quindi non ho alcuna possibilità di ribellarmi a lui. Questo peggiorerebbe solo la mia situazione”, afferma.
Negli ultimi cinque anni si è nascosta a Kabul. Tutti i suoi bambini devono lavorare per integrare quel poco che lei riesce a guadagnare lavorando come cuoca.
La Nato sta programmando di ritirare dall’Afghanistan la maggioranza delle truppe nei prossimi due anni e sta consegnando la sicurezza del paese nelle mani delle forze locali. Continueranno a combattere contro le forze talebane.
Tuttavia, questo può voler dire che i comandanti armati e i loro gruppi potranno consolidare il loro potere – e molti cittadini afghani verranno abbandonati alla loro mercé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?