Skip to main content

LE AUTORITA’ AFGANE AFFERMANO CHE UN RAID DELLA NATO HA UCCISO 6 CIVILI

|

Alcuni uomini trasportavano i cadaveri sulle spalle in mezzo alla folla

RAWA NEWS

Amir Shah – Associated Press

PAN, 14 luglio 2011: i residenti e alcuni funzionari hanno affermato che giovedì scorso sei persone, incluse donne e bambini, sono state uccise e altre due ferite durante un’incursione nella provincia sudorientale di Khost.

I funzionari governativi dell’Afghanistan orientale hanno accusato le truppe NATO di aver ucciso sei civili lo scorso giovedì durante un raid notturno. Più di mille persone si sono riversate furibonde sulle strade.

Secondo le forze alleate, una pattuglia congiunta alle forze militari afgane della provincia di Khost ha ucciso sei combattenti appartenenti ad un gruppo militante alleato con i Talebani, conosciuto come la rete Haqqani, e ferito un civile.

“Non ho ricevuto informazioni in merito all’uccisione di sei civili”, ha dichiarato il Capitano Justin Brockhoff ad Associated Press.

Tuttavia, la notizia dell’accaduto ha fomentato rabbia e indignazione a Khost, e centinaia di persone hanno marciato sulla capitale gridando: “Morte all’America! Morte al governo!”. Alcuni uomini trasportavano i cadaveri sulle spalle in mezzo alla folla.

L’incursione è avvenuta nel villaggio di Toora Worai, in un’area chiamata Matoon che dista circa quattro miglia (sette chilometri) dalla città di Khost, capitale della provincia.

Mubarez Zadran, portavoce del governo provinciale, ha affermato: “La notte scorsa la coalizione ha condotto un’operazione in quel villaggio, purtroppo sulla base di informazioni non corrette secondo le quali era in corso una riunione dei capi della rete Haqqani. Questa operazione ha ucciso sei civili”.

Gul Mohammad Zazi, membro del consiglio provinciale di Khost, ha raccontato che le truppe internazionali sono piombate nel villaggio a mezzanotte circa e hanno cominciato a sparare alle finestre delle case. Zazi ha affermato che le vittime non erano in alcun modo collegate al movimento dei ribelli. Ha inoltre precisato che il numero delle vittime è di sei persone e che le informazioni precedenti che indicavano sette morti non erano corrette.

Brockhoff ha detto che le forze Nato e quelle afgane stavano inseguendo uno dei capi della rete Haqqani, responsabile di attentati e traffici di armi nella zona. Secondo il racconto di Brockhoff, alcuni ribelli con pistole e fucili AK-47 hanno aperto il fuoco su di loro. Tra coloro uccisi in questo scontro a fuoco c’era anche una donna armata di pistola che aveva sparato sulle truppe.

Ha aggiunto che le truppe hanno prestato soccorso alla donna ferita e l’hanno trasportata in una struttura medica.

Asif Khan, abitante di Toora Worai che viveva vicino ad alcune delle persone uccise, ha affermato che tutte le vittime erano civili. Il portavoce delle scuole locali, Sayed Musa Majro, ha riferito che fra i morti c’erano un insegnante e due studenti.

Lo stesso giovedì la Nato ha dichiarato che uno dei suoi membri è stato ucciso mercoledì scorso durante un attacco nell’Afghanistan orientale. La coalizione non ha fornito ulteriori informazioni in merito alla nazionalità di questo membro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?